Auto Iris e AES: differenze e applicazioni

Auto Iris e AES, principali differenze tra Auto Iris (Diaframma automatico) AES – Automatic Electronic Shutter (Otturatore elettronico automatico)

Entrambe le funzionalità hanno l’obiettivo di ottimizzare la qualità al variare delle condizioni di luce. Ecco i principali pregi e difetti di entrambe.

Auto Iris (Diaframma automatico)

Il diaframma viene variato da un controllo elettronico, come accade in molte videocamere o macchie fotografiche. Questo permette alla fotocamera di mantenere il livello di illuminazione sul sensore costante, modificando il diaframma per ottenere immagini di qualità ottimale.
È applicabile nei casi in cui le condizioni di luce variano con continuità e progressivamente. Il diaframma automatico consente alla fotocamera di ottenere la migliore immagine in una determinata condizione di illuminazione e ed disponibile sia su obiettivi fissi che varifocal .
La funzione Auto Iris è molto flessibile nella produzione di segnali video in quanto può adattarsi a cambiamenti drastici nei livelli di luce.

AES – ( otturatore elettronico automatico )

Viene utilizzato nelle fotocamere o videocamere dove il diaframma (iris) è fisso. In pratica viene variata la velocità dell’otturatore elettronico in funzione della quantità di luce in modo da mantenere l’uscita del segnale al miglior livello possibile. AES consente una videocamera con diaframma fisso di registrare immagini ottimali in diverse condizioni di luce, senza la necessità di servomeccanismi. Quando la velocità dell’otturatore elettronico aumenta, la sensibilità del sensore viene diminuita e viceversa.

Conclusioni

Entrambe le funzionalità ottengono l’effetto di regolare la luminosità delle immagini e ottimizzano la qualità della ripresa. Non è possibile dire quale sia il migliore, entrambi hanno vantaggi e svantaggi che li rendono adatti ad usi in situazioni differenti.

Il sistema di diaframma automatico (Auto Iris) tende a rispondere più lentamente del AES alle variazioni improvvise di luce (es. abbagliamenti, riflessi ecc.)
Inoltre i meccanismi di diaframma automatico introducono parti in movimento, con conseguenti maggiori consumi e usura. D’altra parte la qualità delle immagini ottenute utilizzando videocamere Auto Iris è superiore all AES nel caso di soggetti in rapidissimo movimento con scarse condizioni di luce, quando è necessario mantenere una velocità dell’otturatore elevata in modo da ottenere immagini chiare ad alta risoluzione (effetto congelamento). Possiamo comunque ricorrere a illuminaizone artificiale a luce visibile o infrarosso.

1 pensiero su “Auto Iris e AES: differenze e applicazioni

  1. Pingback: videosorveglianza Cloud: videocamera Planet Technology ICA-W8100 CLD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.